Sono Sebastiano Afeltra.
Scrivo di te, per te. Sono un copywriter.
Di corsa mi alleno. Sono un runner amatoriale cattivissimo.

Ho un metodo efficace

Mi parli, ti ascolto.
Mi aiuti a capire, ci penso. 
Mi documento. Corro.
Torno da te con delle proposte, decidiamo insieme.
Scrivo per te.


Mi spiego meglio:

Ascolto


Non sono un chiacchierone.
Meglio mi racconti chi sei, ciò che fai, quel che vuoi comunicare, meglio lavoro io.
Ma spesso mi telefoni all’ultimo, vai di fretta, mi dai indicazioni velocissime e mi chiedi se ho capito: no, non tutto, perciò…

Mi documento


Nel mondo ideale mi prenderei tutto il tempo necessario a preparare un testo impeccabile. Nel mondo reale non si può.
Ma non transigo sulla regola aurea, ossia: non si scrive, se prima non si legge.
Sia intendendo la lettura come azione, che come ricerca.
Perciò ho bisogno di tempo prima di dare sostanza ai pensieri.
Servono i concetti, bisogna documentarsi.

Corro


Devo giustificare il fatto che in certe ore del giorno non rispondo al cellulare.
Lo faccio così: penso spesso ai testi da scrivere mentre mi alleno.
Soprattutto quando corro il fondo lento. Mai durante le ripetute.
Come?! Non sai cosa sono le ripetute?
La sezione blog trabocca di articoli a riguardo.
Vai e impara l’arte del rovinarsi le ginocchia.

Scrivo


Il risultato finale sono le agognate pagine scritte.
Ogni testo ha una logica e una finalità.
Renderlo comprensibile, utile e piacevole è il mio lavoro.


Chiedi di me a chi mi conosce


Se il metodo ti convince, la mia penna è al tuo servizio 

E non solo metaforicamente: ho sempre una BIC nera con me.

Puoi contattarmi

tramite mail a: sebastiano.afeltra@gmail.com
via LinkedIn: www.linkedin.com/in/sebastiano-afeltra/
su Facebook: www.facebook.com/seb.astiano.af


Gli ultimi post dal blog:

  • Brutti e piccoli, ma piacenti
    1. Metà dell’ultimo quarto ancora da giocare. La tribuna, unico spazio che ospita tifosi, è lungo una delle linee laterali del campo e rumoreggia da più di un’ora. Al momento pare gracchiare, come a schiarirsi la gola. L’ultimo canestro ha fatto urlare anche nonne e zii, spettatori improvvisati per la partita dell’anno. I padroni di casa, giovani cestisti di provincia, […]
  • Lockdown coatto, nostalgia in atto
    Ché siccome non eravamo già tutti abbastanza tesi e preoccupati, durante la reclusione forzata per la pandemia ho pensato di fare questo viaggio sentimentale a ritroso, pretestuoso e viziato da fallacie e partigianeria della memoria. Il risultato finale è stato uno smembramento personale, come il giogo medievale dei quattro cavalli legati ai quattro arti del condannato e lanciati tutti in […]
  • Contare
    Sì, con risultati discutibili, ho fatto il calco a Barthes.Ma non vi ho chiesto manco un euro, né sono stato pagato da Einaudi, quindi… cifra (ant. cìfera) s. f. [dal lat. mediev. cifra, e questo dall’arabo ṣifr «nulla, zero», che è un calco del sanscr. śūnyá «vuoto, zero»] 0. Come camminare al buio lungo la strada che porta a casa.I profili dei portoni e dei balconi, il […]
  • Gli occhi
    Roma, 5 settembre 2020. L’incontro che dà il via alle attività di Aurora. O kick off meeting. A voi la scelta dell’anglofonia. Un resoconto con canzone finale. La paura.  Il virus, la contaminazione, le mascherine, i saluti a distanza. Di gomito, d’avambraccio, di nocche. Impacciati gli abbracci, alcuni almeno, con i culi all’indietro, distanti. E a fare da contraltare la […]
  • Far far away
    Disteso, guardò le stelle.Da anni non lo faceva. L’ultima volta era ancora a casa sua.Gli sembrarono belle e calme, come sempre.E il silenzio, che gli si fece intorno, amplificò l’effetto.Come uno spettacolo in HD con le cuffie. Solo senza HD e senza cuffie. Disteso, stette per dei secondi infiniti.Un’onda di ricordipensierifaccesensazioni gli tolse il respiro.L’odore di pulito dagli androni dei […]
  • Coast to Coast e Terre Mutate – agosto 2020
    Resoconto poco pertinente di dodici giorni tra Marche e Umbria. Otto di cammino zaino in spalla, gli altri in giro a magna’. Ero stanchissimo.Avevo ancora addosso la lunga reclusione forzata della scorsa primavera, il carico di lavoro degli ultimi mesi, l’afa delle ultime settimane. E non solo: prima di partire mi ero impegnato a ultimare un cambiamento programmato nei mesi. […]