Sono Sebastiano Afeltra.
Scrivo di te, per te. Sono un copywriter.
Di corsa mi alleno. Sono un runner amatoriale cattivissimo.

Ho un metodo efficace

Mi parli, ti ascolto.
Mi aiuti a capire, ci penso. 
Mi documento. Corro.
Torno da te con delle proposte, decidiamo insieme.
Scrivo per te.


Mi spiego meglio:

Ascolto


Non sono un chiacchierone.
Meglio mi racconti chi sei, ciò che fai, quel che vuoi comunicare, meglio lavoro io.
Ma spesso mi telefoni all’ultimo, vai di fretta, mi dai indicazioni velocissime e mi chiedi se ho capito: no, non tutto, perciò…

Mi documento


Nel mondo ideale mi prenderei tutto il tempo necessario a preparare un testo impeccabile. Nel mondo reale non si può.
Ma non transigo sulla regola aurea, ossia: non si scrive, se prima non si legge.
Sia intendendo la lettura come azione, che come ricerca.
Perciò ho bisogno di tempo prima di dare sostanza ai pensieri.
Servono i concetti, bisogna documentarsi.

Corro


Devo giustificare il fatto che in certe ore del giorno non rispondo al cellulare.
Lo faccio così: penso spesso ai testi da scrivere mentre mi alleno.
Soprattutto quando corro il fondo lento. Mai durante le ripetute.
Come?! Non sai cosa sono le ripetute?
La sezione blog trabocca di articoli a riguardo.
Vai e impara l’arte del rovinarsi le ginocchia.

Scrivo


Il risultato finale sono le agognate pagine scritte.
Ogni testo ha una logica e una finalità.
Renderlo comprensibile, utile e piacevole è il mio lavoro.


Chiedi di me a chi mi conosce


Se il metodo ti convince, la mia penna è al tuo servizio 

E non solo metaforicamente: ho sempre una BIC nera con me.

Puoi contattarmi

tramite mail a: sebastiano.afeltra@gmail.com
via LinkedIn: www.linkedin.com/in/sebastiano-afeltra/
su Facebook: www.facebook.com/seb.astiano.af


Gli ultimi post dal blog:

  • Bugiardo
    Cercava di convincere gli altri a seguirlo, ma nessuno gli dava attenzione. Erano quasi tutti impegnati in una partita di torneo, quindi molto concentrati. Nella polvere del campetto di asfalto e terreno, i bambini correvano e inseguivano il supersantos, tanto gonfio da farli sembrare ancora più piccoli. Perciò dava a parlare a uno dei due portieri, quando la palla era […]
  • Volpino
    Primavera 2020, serrata totale per colpa del Covid-19. Chiuso in casa a Milano, in quarantena, affacciato al balcone, guardo i palazzi brutti dell’edilizia popolare anni ’60 dall’altro lato della strada. C’è un signore che porta a spasso il cane e va verso uno di quei palazzi.Immagino una storia, la pubblico su Instagram. 1. La città azzittita non sembra più la […]
  • Aurora
    Gennaio 2020 Da poco tornato a Milano, mi càpita sott’occhi un video. Letteralmente. Mi gira un link una persona fidata, lo apro da cellulare. È un video lungo. C’è un ometto barbuto che racconta un progetto e che poi descrive una posizione lavorativa. Serve un copy, capisco questo dopo il primo ascolto. Riascolto, prendo appunti, comprendo meglio il senso del […]
  • Silenzio. Tra un istante pioverà.
    Questo il titolo del racconto con cui ho partecipato al concorso “Narrare Narrando” anni fa, vincendo. Dopo avere visto il documentario “Quando eravamo re”, ho immaginato e scritto questo monologo: la voce narrante è quella di Muhammad Alì. Buona lettura. Non ti colpirò, George, non ora, non più. Non serve.Ho già messo il sigillo a questo incontro. Sinistro-destro in pieno […]
  • Buca d’angolo in tre sponde
    Lui dorme. Il respiro regolare, che sfarfalla quando espira, sembra un russare timido. Il suo corpo un po’ bolso, compatto come una gelatina, ora pare che non gravi più sul materasso. Infatti s’è fermato dopo un paio di capriole sul fianco. Prima di qua, poi di là. S’è placato alla fine. Sta con una mano tra le ginocchia piegate verso il […]
  • Dialogo finale di un romanzo inesistente
    – Quindi è un addio– Fanculo “addio”– Cazzo significa “fanculo addio”?– Significa che sono ateo, non ci credo a un dio…– Idiota, il senso…– … avresti dovuto dire “a mai più”– Hai capito cosa intendevo– Sì. Anzi, avresti dovuto dire “ci si vede”– Ma non accadrà– Ripensaci. Dimmi “a domani”– Sai bene che non c’è domani per noi…– Ok, sì, […]