Browsed by
Categoria: Racconti

La sezione narrativa del blog. Corse già fatte, corse in fieri.

If I ever feel better

If I ever feel better

Quando sentii freddo alle ginocchia, aprii gli occhi.Lentamente. Lentissimamente.Guardai le dita delle mani avvizzite.Per almeno un minuto non capii dove fossi. Fermi, però, questa è la fine.Partiamo dall’inizio. Correvo ormai da mesi. Dopo le settimane iniziali di sofferenza, sentivo la fiducia crescere. Ormai mi credevo capace di qualsiasi impresa sportiva. Passare da zero a dieci, dodici chilometri dà alla testa. Almeno finché non cominci a preparare la maratona. In quel caso perdi completamente la testa.E le gambe, le caviglie, le…

Read More Read More

Maratona di Milano 2019

Maratona di Milano 2019

La prima maratona è come il primo amore. Non te la scordi, ma quanti brufol… pardon, quanta stanchezza. In griglia pre-partenza. Un tipo davanti a me ha otto (8) gel in una cartuccera. Io: uno. Mestizia. Il gel al 30esimo chilometro è la cosa più buona del mondo, dopo le crostatine. Crostatine über alles. Non credo all’oroscopo, ma a Tonino sì. Se dice A, è A. Se dice un tempo sulla maratona, quello faccio. No, non è vero. Ci ho…

Read More Read More

Venti settimane

Venti settimane

Aspettavo questa domenica da mesi. E il lunedì che la seguirà. Non si è chiuso un ciclo. Non c’è cesura; non c’è rottura. C’è solo inizio. Mancano venti settimane. Si è aperta una strada. E somiglia più a una specie di autostrada. Larga, lunga, lungimirante. Larga perché dentro ci dovrà andare tanto. Tanti chilometri per fare capire alle gambe e soprattutto alla testa come si fa, soprattutto quando sarà più difficile. Tanto cibo, perché mangerò di più, necessariamente. Tanta pazienza,…

Read More Read More

Di quando periodicamente mi perdo correndo – Oslo edition

Di quando periodicamente mi perdo correndo – Oslo edition

“Ci sono un italiano a Oslo, un norvegese con la camicia brutta e uno sulla quarantina, che se ne va molleggiando sulla sua bici da cross” Lunedì 3 Giugno di n anni fa. Sognsvann è l’ultima fermata metro della linea 6 di Oslo. Si esce dal treno, si percorrono duecento metri e c’è un lago in mezzo al bosco di abeti e di aceri. La giornata è luminosa. Giugno è l’estate norvegese. Ermi e Tere sono qui per passeggiare, io…

Read More Read More

Sarajevo e la corsa

Sarajevo e la corsa

Non ho bisogno della sveglia. Il letto è piccolo e scomodo, il materasso smollato e polveroso. In piena estate mi ritrovo con i primi sintomi dell’allergia addosso. Il naso sempre umido, gli occhi gonfi e pronti a prudere. Eppure sono entusiasta. Non vedo l’ora di scendere giù ad allenarmi e poi in centro a girare per la città. Sarajevo l’ho sentita intima subito. I panni, le scarpe e l’orologio sono già pronti in bagno. Mi vesto, cercando di non fare…

Read More Read More

New York e la 127

New York e la 127

Questa foto è bellissima. Un po’ scarica nei colori e sfocata, ma cromaticamente coerente. Rispetto all’abuso di filtri e orpelli delle foto social, è quasi d’avanguardia. Un’onesta cornice di spettatori ruota intorno al centro. In parte fa da sfondo: c’è un uomo col cappellino rosso, accigliato e disinteressato, che dà le spalle all’atleta; c’è la posa statuaria dell’uomo sulla sinistra, che sta lì a osservare plastico. In parte la cornice fa da pubblico: come fossimo noi, poche file dietro i primi, a…

Read More Read More

La prima corsa – Episodio 2 – Adolescenza

La prima corsa – Episodio 2 – Adolescenza

Le scuole superiori sono state una tortura. E l’adolescenza faceva e fa schifo. Non credo a chi la racconta diversamente. Tra amori strazianti e straziate interrogazioni, i Giochi della gioventù per me erano un’evasione. Primavera. – C’è la gara di corsa campestre. Chi vuole partecipare? – chiede il prof di educazione fisica a fine lezione. Alzo la mano, anche se gioco a basket. E non ho il fisico del mezzofondista. Ma quest’ultima è una valutazione che farò razionalmente solo dieci…

Read More Read More

Correre sotto la pioggia

Correre sotto la pioggia

Guardo il cellulare: manca poco. Controllo l’app meteo: prevista pioggia. I problemi a questo punto sono due: 1. devo tornare a casa in bici; 2. poi devo andare a correre. Preparo lo zaino, metto in salvo il pc dall’eventuale nubifragio. Non serve, non cade una goccia durante il tragitto. Però, tutto mi fa pensare che pioggia ne cadrà. E non poca. Poso la bici, salgo su in fretta. Mi affaccio alla finestra. Il vento soffia sostenuto; le nuvole si stanno…

Read More Read More

La prima corsa – Episodio 1 – Infanzia

La prima corsa – Episodio 1 – Infanzia

Sento nonno parlare all’esterno della casa. Apro gli occhi. Scendo dal letto e vado in cucina scalzo. Nonna mi vede, non mi fa arrivare al tavolo, strepita; allora torno indietro. Entra un po’ di sole dalla finestra, le mattonelle sono tiepide. Prendo le ciabatte. Le infilo appena di punta e ritorno indietro. Nonno intanto è entrato in cucina e ha posato delle uova sul tavolo. “Sono andato da Livio a prenderle” Uova fresche a colazione, quindi zabaione. Chiara, mia sorella,…

Read More Read More

error

Diffondi il verbo della corsa: correre!